Pure in Svizzera per sopravvivere, i locali spingono sull’asporto

BERNA – Dalla Svizzera il settore dei pubblici esercizi cerca di difendersi con le unghie e con i denti di fronte alle restrizioni rese necessario dal Coronavirus. E se le misure di sicurezza esigono una chiusura al servizio regolare, ecco che si passa a quello eccezionale: l’asporto sta diventando la modalità di sopravvivenza prediletta dai gestori a Berna. Leggiamo la notizia dal sito ticinonews.ch.

E nel Caonton Ticino i bar si riorganizzano

Le regole imposte da Berna hanno spinto diversi esercenti a ripensare il proprio lavoro. C’è dunque chi ha riconvertito il proprio servizio, trasformandosi in bar da asporto, offrendo caffè, bibite, pizze e panini ai passanti. E la clientela sembra rispondere bene alla nuova offerta.

“La nostra idea era di dare un servizio fisso al cliente e offrire socialità. Nel frattempo si lavora un po’ di più”, racconta Francesco Lepori, titolare del Bar Indipendenza a Bellinzona, che ai colleghi di Teleticino spiega le sfide logistiche che comporta questo nuovo tipo di organizzazione.

Per altri esercenti, invece, il servizio d’asporto è una questione di sopravvivenza e rappresenta l’unica chance per raccimolare qualche soldo

È il caso di Nicola Balmelli, titolare del bar Gazzaniga, che coraggiosamente ha inaugurato il suo locale appena quattro mesi fa e non può quindi beneficiare di aiuti dallo Stato. “Per fortuna che c’è il take away, cerchiamo di fare tutto il possibile per coprire tutte le spese”.

L’articolo Pure in Svizzera per sopravvivere, i locali spingono sull’asporto sembra essere il primo su Comunicaffè.

from Comunicaffè https://ift.tt/2LlB73J
via I

Create your website at WordPress.com
Get started
%d bloggers like this:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close